Ricarica elettrica fast: nel 2018 Enel sbarca in autostrada

26/07/2017

Questo settembre una trentina di colonnine funzioneranno alle uscite lungo l'A1 Milano-Roma e l'A4 Torino-Venezia, ma dal prossimo anno 180 saranno nelle stazioni di servizio

«A settembre – ha ufficialmente annunciato Francesco Starace, amministratore delegato di Enel – partirà il piano nazionale dell'infrastruttura per il sistema di ricarica della mobilità elettrica. Abbiamo già definito il piano, lo abbiamo presentato al ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, e lo lanceremo per la fine dell'estate. L'infrastruttura con il sistema di ricarica coprirà l'intero territorio nazionale. Siamo grandemente impegnati e saremo felici di collaborare a qualunque iniziativa parallela in questo settore».
Il piano nazionale dell'infrastruttura Enel per la mobilità elettrica prevede a regime 10-12mila colonnine di ricarica da installare nell'arco di tre anni, per un investimento pari a circa 300 milioni di euro. È evidente che il completamento del piano consentirà l'abbattimento dell'ansia da ricarica dovuta alla ricerca delle colonnine da parte degli automobilisti alla guida di vetture elettriche. Un elemento questo che, ancor più del prezzo delle vetture elettriche frena grandemente la diffusione dei mezzi ad impatto zero.
Il problema si fa ancor più sentire sulle tratte autostradali dove le percorrenze sono maggiori che in città e dove le vetture elettriche al momento sono indubbiamente penalizzate dalla limitata autonomia. La scelta di Enel quindi è certamente significativa e cerca di riallineare l’Italia al resto dell’Europa: non è infatti da dimenticare che negli altri Paesi a noi vicini la mobilità elettrica è di gran lunga più diffusa, più attrezzata e più incentivata.

CALL FOR INNOVATION

Zeocooking cerca un'idea per realizzare una pentola per cucinare con al zeolite
Stradivarius cerca creativi per la realizzazione di una linea di grafiche per i loro Longboard
Tweets by @dnest_iie